21 ottobre 2016

Massimo Troisi ed Enzo Decaro: Poesie





GRAZIE

Grazie, grazie a te
Cui non ho detto mai ti amo
Grazie, grazie a te
Che hai scoperto i miei segreti
Di cui non parlavo mai
Neppure con me stesso...

Grazie, grazie a te
che non hai sgranato gli occhi
Se ti ho detto che per soldi
Ho scambiato l'amore
col sesso.

A te che non pretendi di volare
Grazie, grazie di cuore...

Alle volte che ti neghi
E poi fai leggermi negli occhi
La fatica che ti costa...
Grazie a te che t'inventi
Discorsi dai miei silenzi,
Alla tua volonta' di regalarmi un giorno nuovo...

A te che non pretendi di volare
Grazie, grazie di cuore...

Grazie, grazie a te
Ed alle tue bugie
A te che scrivi poesie
Dove io sono io e non un eroe
Grazie di cuore...


AL MIO CUORE

Al mio cuore malandato
Almeno a lui ho messo le ali...
Io, padrone di un bel niente
Neppure di me stesso.

Soffoco d'affetto
e vivo di nascosto
Ma al mio cuore malandato
Almeno a lui ho messo le ali...

Intorno si stupiscono
del mio modo di fare
Per loro sbaglio tutto
ancora prima di iniziare

Non e' cosi' importante
che muoia qualcosa dentro
Io cedo qualche sogno
e un po' di liberta'
Un compromesso che in fondo accetto per vilta'...

Ma al mio cuore malandato
Almeno a lui ho messo le ali...

Passar tutto il tempo
a pensare al modo migliore
E in quale occasione
sfiorarti la mano
per dire ti amo

Mentre la situazione
politica italiana
Andrebbe seguita
con molta piu' attenzione
Vuoi che mi lasci andare sulle note di una canzone d'amore...

Ma al mio cuore malandato
Almeno a lui ho messo le ali...


PULLICENE'

Ma chi l'ha detto
che c'e' una fata
Che salva i buoni
dai loro guai?
Ma chi l'ha detto che
'accussi' va 'o munno?

L'hanno insegnato a te,
Pullicene'...

Male a chi crede
che va in Paradiso
Solo il pezzente e il ricco avra' il castigo

Male a chi crede
che 'tant'e' destino
Vivere come te,
Pullicene'

Che t'hanno dato per farti addormentare?
Per letto il cielo e per cuscino 'o mare...
Poi pe' mangia'
'na bella fetta 'e sole
Ti bastera'...

Che t'hanno dato
pe' te fa durmi'?
'o mandulino e
poi Maria Mari'...
Ma quella fata
che aspetti da tanto
cercala nella rabbia
'e chesta gente!


QUANTA BRAVA GENTE

Quanta brava gente
Parla...e nun dice niente

Quanta brava gente
Te sta 'a senti'
e nun sente.

Tanto so' cuntente
basta nun guarda' attuorno
pure 'a notta nera
pe' loro e' sempre juorno...

Simme brava gente
quann' avutammo 'a faccia
'nfaccia 'a nu' lamient

E 'a Morte 'un dice niente...





LA FRONTIERA DELLA VITA

Chi corre in questa vita?
Corre chi ha fretta
di arrivare...
Corre chi cade giu'
dopo essere disceso
dalla sua collina
di compromessi e ipocrisie:
un vero peccato
che in cima
non ci fosse la liberta'...

Non tutti parlano di sesso
come se niente fosse...
Io, per esempio, con la mia donna
sto ancora parlando di verginita':
che rarita'...
Con gli interessi superati
Di cui non si parla piu',
Ci vivono ancora
Ci vivono bene
Chi guida il pallone
Spingendolo piu' su...

E noi, dentro il pallone
Felici come bambini
Guardiamo l'azzurro del cielo
Che si fa piu' vicino,
L'accarezziamo
e ci accorgiamo
Di essere gia' arrivati...

'Signori, si scende!
Tutti giu' dal pallone!'
Siam tutti gia' morti
e non servon passaporti...

La corsa e' finita, qui e' la Frontiera della Vita:
Un vero peccato che in cima non ci fosse la liberta'...


PENSIERO VESTITO

Ha scritto un biglietto
ai parenti,
al suo funerale
ne' fiori ne' pianti.

Se muori a vent'anni
ti credono santo

non sanno che
non hai avuto il tempo

per essere come
o peggio di loro.
Un dubbio lo ha ucciso,
un dubbio tremendo:
se avesse mai visto
un pensiero vestito...

E quando si e' accorto
di essersi mentito
allora ha sparato...

A una donna
che gli prestava il corpo
ha lasciato la
sua foto piu' brutta.

Un prete gli ha detto
due preghiere
per aprirgli la strada
che porta in Paradiso...

Ma lui, con l'ultimo respiro:
sarei molto contento, ma...

Se l'Anima parlasse...


RIMPIANTO (A MIA MADRE)

Io sciupai il tuo
candido seno
Di giovane madre,
di donna piacente.

Rubai allo specchio
la tua bellezza
E nelle mani?
Vecchie fotografie...

I discorsi di mio padre
Li ho imparati a memoria
Fosse per lui, crederei
ancora ai libri di storia.
Con te devo incontrarmi
in un fiume di nero...

E tra fiori e marmi
Tra un pugno
ed un bacio
Tra la strada e
il mio portone

Tra un ricordo e
un giorno nero
Torna e vive anche
il rimpianto...

La guerra ti tolse
Il sorriso dalle labbra
Io cancellai anche
quel po' di rossetto
Ti vedevo gigante
Poi una brutta mattina

La bocca serrata
Ti vidi morire
Ti vidi bambina
E nelle mani?
Vecchie fotografie....

E tra fiori e marmi...


ANGIULILLO

Quanno nasce 'na creatura
E' n'angiulillo senza scelle...
A me m'e' nata
'na creatura
Senza li gambelle...

Angiulillo 'e mamma toja
Ah! s' io putesse dart 'e
e scelle meje...

Ma t'accuntient
'e 'na guardata

Vuo' ca te piglio
'a mana 'mmano...
Ma pure si staie cundannato
T'accuntient'e 'na guardata

Vuo' ca te piglio
'a mana 'mmano...

Angiulillo 'e mamma toja...

Pe' me primm'a vita era bella
E nisciuno suffreva...
Mo' ca si' vecchia sulo mo'
L'aggio saputo
Ca comm'a te stanno
miliun'e ati creature...

Si apprimma attuorno
m'avesse guardato
Quanta felicita'
l'avesse dato:
Bastava sulo
'na strignut'e mano

Che me custava
'na strignut'e mano

Angiulillo 'e mamma toja...


IL PRINCIPE

Il principe sul cavallo bianco
Fila nel vento
verso il castello.

Corre a baciare
la sua donna amata
Che per incanto
s' e' addormentata...

Le porta in regalo
un manto di stelle
Le sue terre, un anello
E le vesti piu' belle...
Ma nel bosco piu' verde,
contadini e viandanti

Gli muovono contro,
gli fermano il passo...
Dal loro vestire,
dal viso e dai gesti
Non mi posso sbagliare.

E' come ogni favola:
Ecco, son loro, i Cattivi...
Parlano in tant
e non in modo corretto

Il giovane biondo
ha il viso sofferto.

Ammette i suoi sbagli,
e per un Buono son molti,
Poi promette, promette
e conquista un po' tutti.

Col suo accento da Re...
Intanto suo padre ha mandato i soldati
Le loro armature,
le spade, le frecce...
E le foglie del bosco
ora son tinte di rosso
Ma non e' sangue blu
e il principe va,
Fila nel vento
verso il castello...


GESÙ CRIST

Gesu'Crist fuje mannato
pe' salva' l'Aneme
de' dannat'

Quann'o 'nchiuvaino
'nfacci'o 'llegno aveva dat
'e chiave 'ncunzegna.

Dicett'a Pietro,
'a miez'e lamiente:

'Fa ca nun more
pe' senza niente!'
Mo' se stara' magnann
'e 'mmane, mo' c'a giustizia sta tanto luntane...

Gesu'crist fuje mannato pe' salva' l'Aneme de' dannat'

Aveva ditt':
'Umilta' e Penitenza',
se ne so' servuto:
mo' so' 'na Putenza

Aveva ditt':
'Faccimm'e Cristiane',
che ne sapev 'e ll'Americane?

Aveva pe' chesto 'na vita spesa e no pe' ce' fa mangia'
ncopp 'a Chiesa

Gesu'crist fuje mannato pe' salva' l'Aneme de' dannat'


SENZA UMILTÀ

La presunzione
Di avere tante cose
da dire...
L'ambizione
Di avere una storia
da raccontare...

L'orgoglio
Di sentirsi pieno
di invenzioni...
E sentirle solo mie
E volere ad ogni costo
dirle a tutti...

Ma forse sarei
piu' vicino a voi
Se vi parlassi
delle mie paure,

dei sogni svaniti
dei miei progetti
e inibizioni...

Ma forse sono
solo uno che si illude.
Senza umilta'
Di essere diverso
dagli altri...


STANOTTE

Stanotte m'aggio fatto 'nu suonno:
m'aggio sunnato
ca stevo cammenanno
'copp' 'a rena,
accumpagnato d' 'o Signore,
e pe' dinto 'a nuttata,
comm' 'a tante stelle,
se vedevene passa'
tutt' 'e juonrne d' 'a vita mia.
Aggio guardato arreto
e m'aggio addunat
ca p'ogni ghiurnata
comm' a' nu cinematografo,
'ncopp 'a rena cumparevene
ddoie scarpesate:
'a mia e chella d' 'o Signore.
So ghiuto 'nnanze accussi',
'infine 'a che nu fernettene
tutte'e ghiurnate mie.
Allora me fermaie e
vutanneme adderete,
m'addunaie che 'a ciert pizze
ce ne steve 'na scaprpesata sola...

Sti pizze se cunfruntavene proprio cu 'e ghiurnate chiu storte
d' 'a vita mia:
chelle d' 'a peggia pucundria,
d' 'a peggia paura e
d' 'a peggia disperazione...

E allore l'aggio addimannato:
"Signo', m tu me diceste ca me sarisse stato vicino pe' tutt' 'e juore d' 'a vita mia
e pe' chesto io aggio voluto campa' cu tte,
ma, pecche', po', m' 'e lassat sulo iusto
inte a 'sti mumente?"

E 'o Signore rispunnette:
"Figliu io, io te voglio bbene e te dicette ca sarria stat semp cu tte
pe' tutt' 'a cammenata e canun t'avvaria lassato sulo,
manco pe 'nu mumento, e maje t'aggio lassato...
Chilli juorne ca tu haje visto 'na scarpesata sola 'ncopp' 'a rena,
fuiene justo 'e juorn
ca te purtavo 'mbraccio".




MASSIMO TROISI, Poeta, sceneggiatore, attore poliforme per teatro, cinema e TV, comico originalissimo, ricordato soprattutto per essere stato l'esponente della nuova comicità napoletana (portata alla ribalta dal gruppo teatrale La Smorfia nella seconda metà degli anni settanta), assieme a Lello Arena ed Enzo Decaro. Nel 1996 fu candidato ai premi Oscar come miglior attore e miglior sceneggiatura non originale per il film Il postino. Scomparve prematuramente, a quarantuno anni, per un fatale attacco cardiaco, conseguente a febbri reumatiche di cui soffriva sin dall'età di dodici anni. Nasce il 19 febbraio del 1953 a San Giorgio a Cremano, una ridente cittadina a quattro chilometri da Napoli. Cresce in una famiglia numerosa: nella sua stessa casa, infatti, abitano, oltre ai suoi genitori ed ai suoi cinque fratelli, due nonni, gli zii ed i loro cinque figli. Ancora studente comincia ad interessarsi al teatro, iniziando a recitare in un gruppo teatrale "I Saraceni", di cui facevano parte Lello Arena, Enzo Decaro, Valeria Pezza e Nico Mucci. Nel 1972 lo stesso gruppo fonda il Centro Teatro Spazio all'interno di un ex garage a San Giorgio a Cremano, dove in principio si mandava in scena la tradizione del teatro napoletano, daViviani a Eduardo. Nel 1977 nasce la Smorfia: Troisi, Decaro ed Arena cominciano a recitare al Sancarluccio di Napoli ed il successo teatrale ben presto si trasformerà in un grande successo televisivo. Cronologicamente, però, il successo arriva prima alla radio con "Cordialmente insieme" e successivamente in televisione nel 1976 con la trasmissione "Non stop" e nel 1979 con la trasmissione "Luna Park". Sono di quegli anni gli sketch dell'Arca di Noè, dell'Annunciazione, dei Soldati, di San Gennano tra gli altri. L'ultimo spettacolo teatrale de La smorfia è Così è (se vi piace). Dal 1981 comincia per Massimo l'avventura anche nelle sale cinematografiche con il primo film in cui è regista e protagonista "Ricomincio da tre". Un vero e proprio trionfo di critica e di pubblico. Nel 1984 è a fianco dell'irresistibile Benigni, sia come regista che come attore, nel film "Non ci resta che piangere". E' del 1985 invece la curiosa interpretazione di "Hotel Colonial" di Cinzia Torrini. Passano due anni (1987) ed è ancora una volta impegnato in prima persona, dietro e davanti alla macchina da presa con il film "Le vie del Signore sono finite". Tre film di Ettore Scola lo vedono in questi ultimi anni impegnato di nuovo come attore: "Splendor" (1989); "Che ora è" (1989), che gli ha fatto vincere il premio come migliore attore (in coppia con Marcello Mastroianni) alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, "Il viaggio di Capitan Fracassa" (1990). Con "Pensavo fosse Amore... invece era un calesse" (1991) di cui è anche autore e interprete, Troisi firma la sua quinta regia cinematografica. Il 4 giugno 1994, ad Ostia (Roma), Troisi muore nel sonno a causa del suo cuore malato, ventiquattro ore dopo aver terminato le riprese de "Il postino" diretto da Michael Radford, il film che aveva amato di più.

ENZO DECARO, nome d'arte di Vincenzo Purcaro Decaro è un attore, sceneggiatore e regista italiano. Nato a Portici (Na) il 24 marzo 1958. Studi classici e laurea in Lettere moderne presso l'Università Federico II° di Napoli. Docente di Scrittura creativa alla Facoltà di Scienze della Comunicazione all’Università di Salerno. La sua carriera di autore e attore si divide tra teatro, televisione e cinema.  Comincia presto a fare teatro, insieme con Massimo Troisi e Lello Arena, nel trio comico cabarettistico "I Saraceni" che poi cambierà nome diventando "La Smorfia". L’esordio televisivo arriva nel 1977 con lo show di RaiUno Non Stop (Maschera D’Argento), seguito da nel 1977, col programma di varietà Non stop. Sempre sui canali Rai seguono altre apparizioni in programmi di varietà: nel 1978 con La sberla, Luna Park (1979), nel 1980 con Effetto smorfia, nel 1982 con Bum bum all'italiana e nel 1984 con Come quando fuori piove. Scioltosi il gruppo comico, Decaro prosegue la sua attività sia come regista, sia come attore televisivo e teatrale. Nel 1998 il grande successo della fiction Una donna per amico lo riporta alla ribalta nazionale. Prosegue interpretando altre fiction di successo, tra le quali La provinciale, Orgoglio, Lo zio d'America, Padri, Il cardinale, Noi, Madre Teresa, Provaci ancora prof, Era mio fratello, La terza verità, L'ultimo rigore 1 e 2, Una madre, Una donna per amico 1 e 2 e tante altre.

ARTICOLI

ATTUALITA CULTURALE

TEATRO

 
Copyright © 2009-2016 La Farfalla di Fuoco Editrice | Direttore Giornalistico: Carlo Raffaele Contardi | San Giuliano Milanese, Milano, It. | Contatti: lafarfalladifuoco@gmail.com