13 ottobre 2016

Bianca Granisso



Poesie in lingua italiana 
ed in dialetto napoletano





AURORA (sonetto caudato)

Passanti infreddoliti per le strade,
rumori addormentati nella brina.
Il cielo si schiarisce:è già mattina.
Un po’ di nostalgia lenta ti invade.

Lì in giardino le siepi incolte, rade,
senza più un fiore, senza più una spina
Fa freddo, ma la bocca sua è vicina
alla tua e col respiro ti persuade

a staccarti dai vetri senza indugi.
Richiudi le tendine alla finestra,
nel suo calore a letto ti rifugi.

Mai con l’amore più sarai maldestra,
non è più l’ora ormai di sotterfugi.
E’ inverno, ma profuma di ginestra.

Distesa alla sua destra,
percorri il tuo passato con le mani.
ricominci a sperare nel domani.


DOV' E'?


Tu che amasti un dì quel dolce volto ridente,
pensa che non più sogna di un tempo che fu.
Eri la vita per me, passato e vivo presente...
e cosa io ero per te, forse non scorderai più.

Ti legavo io a me, con infantile malizia.
Ora sì lo so. Credo che io… non so che...
Mi ritrovo così a provare pena e delizia,
e mi chiedo dov’è il bene, che avevo, e perché.



DANZA

Nel vuoto su un filo oscillante,
passione, da tempo sospesa
al vento pungente e inquietante,
che a te chiede solo la resa,
resisti di verde vestita,
aggràppati qui alla speranza,
sì come la rosa appassita,
che nella tempesta ora danza.


SORRISO

Come è difficile fare del bene,
ma come è facile fare del male.
Senza pensare a cosa te ne viene,
da’ sempre amore: solo questo vale.
Non è stavolta un gioco di parole,
né una sciarada, nè un indovinello.
Tante persone sono triste e sole:
dona un sorriso e il cielo si fa bello.


SOLE

E sole ora in casa.  Nel sole la via.
A chiave serrati  i vetri ed i cuori.
Di sole quel raggio  non fa compagnia:
il seno respira, non batte l'amore.
Ce l’hanno poi un senso le sole parole?
No. Mutano forma, ferite dal vento,
da sole e cangianti di luce di sole.
Diverse di senso, uguali di accento.


SALE

Ti stai allontanando da me,
così come io sono distante
da chi mai mi ha dato un istante
la gioia di stringersi a me.

La vita ripete i suoi passi,
in cerca di giusta vendetta
su chi si credeva perfetta.
E pesano come dei massi

—il male si paga col male—
le stesse mie dure parole,
che sulle tue labbra un sapore

più amaro ora hanno e il dolore
si scioglie —così neve al sole—
in stille lucenti di sale.


SERATE

Plumbago dipinti di cielo
non brillano più sul balcone.
E’ l’aria sporcata da un velo
di fumo, di vizio e passione,

Immagine tratta dal web
spogliata oramai d’emozione.
Nel gelo annegate le stelle,
sarebbe soltanto finzione
quel brivido sulla tua pelle.

Contratte in un no le mascelle,
negli occhi lucente sconforto,
serrate le labbra, ribelle
ancora quel volto un po' smorto,

non vuoi né ragione, né torto.
Le mani sui vetri ghiacciate,
nel vuoto lo sguardo, ma assorto,
in una di tante serate

che getti nel cesso, sprecate.
Sull’orlo di un muto sfacelo,
stai lì, le persiane accostate,
tu, fiore su un fragile stelo.


AFFETTO

Non so perché tanto ho fame d’affetto.
Scavo nel mio passato e non ricordo
cosa mi rende fragile nel petto,
quando preda dell’ansia un dito mordo.


Non so quale parola m’ha ferita,
quale immagine al cuore, come freccia,
che, acuminata, l’ arco della vita
scocca e i fili dell’anima m’ intreccia.


Non so cos’è . Mi chiudo nel grottesco
di questa mia incertezza senza fine
e, priva di binari, come un treno

ora in disuso, senza rotaie e freno,
serate lunghe ed ignote mattine
guardo scorrere via. E non ne esco.




Poesie in Dialetto Napoletano


STORNELLO D'AMMORE

Sciure de sposa,
‘ncopp’all’altare a n’atu pare ‘e mise (2volte)
janca vestuta bbella cchiù ‘e na rosa.

Sciure ‘e passione,
t’astregno a mme notte, sera e matina (2 volte)
me sbatte ‘mpietto pe cchest’emozzione.

Sciure 'e gelusia,
a tte te voglio sempe e ssenza scuse, (2 volte)
io t’aggio dato tutt’’a vita mia.

 Sciore geluso,
cu mme te voglio sempe e ssenza scuse,
si no songo 'nfelice e sto 'nguttuso.


CORE MIO
(endecasillabo, ispirato a Il malato di cuore di De Andrè,
tratto da L’Antologia di Spoon River di Edgar Lee Master)

Guaglione comme a lloro maje so’ stato.
Guardavo a ‘sti cumpagne mieje, sudate,
e mme sperevo...mme mancava ‘o sciato,
pe ccorrere cu ‘a palla ‘nsieme a ll’ate.

M’’o ccuntavano ll’uocchie che era ‘a vita…
Nun aggio maje campato overamente,
‘a ggiuvinezza mm’era pruibbìta
e mmanco ‘na resata tengo a mmente.

Ma ’ o mumento felice ll’aggio avuto.
E ssi ‘sta libbertà ll’aggio pavata,
nun mme ne ‘mporta, si pe ‘nu minuto
cu cchesti mmane io ll’aggio tuccata...

Cu 'nu surriso me pigliaste 'a mano
e ccomme a ‘nu criaturo appriesso a tte
‘nsuonno me ne vulaje assaje luntano,
senza paure, senza cercà pecchè.

Nun m’arricordo si fuste tutta mia,
si ‘o cugliette ‘stu sciore ‘e giuventu’,
si è stata verità o è fantasia,
ma chillu vaso nun mm’’o scordo cchiù.

E cchiano chiano ‘o sole tramuntava...
ma 'o core mio pazzo 'e felicità
‘ncopp’ â ‘sta vocca rossa comme â lava,
‘ncopp’â sta vocca vulette restà.


NU SCIORE

‘Nu sciore sicco dint’a ‘stu quaderno,
spine nun tene, ma manco cchiù addora.
Tristezza fa, guardarlo m’addulora.
Luntana è pprimmavera e ttrase vierno...

‘Nu poco ‘ e viento vola e sse ne fuje.
Tremmano ‘nzieme aunite core e ffronne,
st’anema chiamma e nnisciuno risponne.
Se velano uocchie e ccielo, tutte ‘e dduje.

Ricordo ‘ e chillu tiempo mo fernuto,
se ne sta sola, accartucciata, storta,
rusella janca, ca allora prufumava,

pegno ‘Ammore, ca ‘e notte me scetava.
Pe nnun turnà , forte à ‘nzerrato ‘a porta.
‘Nsuonno venuto, all’alba se n’è ghiuto.


‘A CANTENERA

'A cchiù bbella cantenera?
“Chi mi vuole?” Stongo cca.
Dint' a chesta trattoria
passo tutt''a vita mia.

Ma sto allera, rido e ccanto.
E “non è per farmi un vanto”
fino a ll'ora d''a chiusura
cu 'nu mantesino janco
e 'na bbella scullatura
a cchi veve volle 'o sango.

C'è cchi vene pe mmangià
e cchi sulo pe guardà.

Certo, songo appariscente...
Ma nun hanno 'o riesto 'e niente!
Ah! Si vedisseve 'a priezza
dint' a ll'uocchie d''e cliente!

Cu 'o surriso e 'a ggentilezza
e 'a maniera cumpiacente,
apparecchio 'e tavuline
cu 'e ttuvaglie 'e misto lino.

Capemaste o damerine:
servo a ttutte 'o meglio vino.
'A cchiù bbella cantenera
tratta a ttutte 'e una manera:

tutte o quase...'Nu signore
m'è rimasto dint'ô core.
Me pareva interessato.
Era fino, "ben vestito":
me ne songo 'nnammurata.
Ma pe n'ata m'ha tradito.


'E FFOTO

Fanno tristezza 'sti ffotografie,
ca senza voce parlano 'e passato,
so' ricorde scurdate, nustalgìe...
E mo nun torna cchiù chello ca è stato.

 mmente nun te veneno 'sti vvie,
qual'anno era e chi te l'ha scattate.
Dice:"So' brutte!", ma 'o ssaje è 'na buscìa
e ride pure, ma 'e guarde 'ncantata.

Dinto ce stanno 'e penziere d'allora,
risa e ppaure ca mo tiene ancora,
cca 'nu surriso, lla 'o ggelo int'? core,
ll'uocchie d''a ggiuventù o d''o dulore,

mumente 'e gioia e llacreme cucente...
Ce cagna 'o tiempo, ma nun cagna niente.




BIANCA GRANISSO, nata a Napoli, si è laureata in Filosofia e in Lettere classiche con tesi sperimentali sulla lingua napoletana e su quella latina; è studiosa di metrica, grammatica ed ortografia della lingua napoletana. Attrice, interprete di canzoni popolari e regista da molti anni. Socia fondatrice del Teatro Sanacore a San Giorgio a cremano, attrice e regista, scrive testi teatrali per la compagnia da lei fondata  «Ll’’arte d”o sole» ed ha diretto per circa 18 anni  corsi di laboratorio teatrale per giovani. Scrive da sempre racconti, spot pubblicitari, canzoni e poesie in lingua italiana ed in napoletano. Docente di ruolo di Italiano e Latino al Liceo, ha scelto il part time per poter dedicare maggiore tempo al teatro. Ha pubblicato di recente una raccolta di liriche in idioma partenopeo, Fronne ô Viento (ed.ag De luca – prefazione prof. Carlo Iandolo) curati metricamente e ortograficamente, in cui esprime la sua napolitudine ed il suo legame viscerale con la città di napoli “in versi ricchi di sensibilità e di accenti musicali”. Di prossima pubblicazione “Si nun nascevo cca” ed “accenti di sole”. La prof. Bianca Granisso è anche autrice dei seguenti testi teatrali: Così si fa; ‘A cullana ‘e mammà; Tre personaggi in cerca d’autore; ‘Na canzona, ‘na poesia, ‘nu tiatro ‘mmiez’ â via; A mariuole dalle fuoco, a puttane dalle luoco (versione contestualizzata in napoletano da non tutti i ladri vengono per nuocere di Dario Fo); Reginella (ispirata all’ opera di Libero Bovio); Ossequi, Don Salvato’!; Miseria e dignita’; La presidentessa (versione contestualizzata in napoletano dell’opera di hannequin); Napolitudine mia. Tra l’altro ha recitato in ruoli comici, brillanti, drammatici, in spettacoli musicali, teatro classico e popolare. Un vero punto di riferimento per chi si avvicina allo studio lessicale della lingua napoletana tanto musicale ma con ferree regole grammaticali.

ARTICOLI

ATTUALITA CULTURALE

TEATRO

 
Copyright © 2009-2016 La Farfalla di Fuoco Editrice | Direttore Giornalistico: Carlo Raffaele Contardi | San Giuliano Milanese, Milano, It. | Contatti: lafarfalladifuoco@gmail.com